L’andamento del rischio di credito ha raggiunto nel corso del 2017 livelli inferiori rispetto al periodo pre-crisi. È quanto emerso dall’ultima analisi di Crif, azienda specializzata in informazioni e soluzioni creditizie, che ha rivelato come dopo oltre 13 mesi di forte decelerazione, siano arrivati i primi segnali di stabilizzazione dell’andamento del rischio di credito.

Nello specifico, a dicembre dello scorso anno il tasso di default delle imprese è sceso al 3,9%, rispetto al 5,8% di dicembre 2015. Per quanto riguarda le famiglie invece, il tasso di default è passato dal 2,3 % di dicembre 2015 all’1,7% dello stesso mese del 2017. In entrambi i casi i dati evidenziano comunque un deciso allontanamento dalle percentuali di dicembre 2009, anno in cui la crisi economica aveva raggiunto il suo culmine.

Tratto dal sito stopsecret.it